m
Categorie
Social:

Chick Corea

Anthony Armando “Chick” Corea, nasce a Chelsea, Massachusetts, 1’11 giugno del 1942. Inizia a studiare pianoforte all’età di 4 anni. La sua formazione musicale è fortemente influenzata dal padre Armando, musicista attivo negli anni ’30 e ’40 con un proprio gruppo. Chick cresce ascoltando Beethoven, Chopin, Bach e Mozart, ma anche Charlie Parker, Bud Powell, Lester Young e Horace Silver, che esercita sull’aspirante pianista una fortissima influenza. I suoi primi modelli – Cal Tjader, Herbie Mann, Mongo Santamaria – instillano in Chick quell’amore per i ritmi latino-americani che si trasformerà poi in un tratto caratteristico del suo stile. La carriera di Corea inizia al fianco di Stan Getz, Blue Mitchell, Sarah Vaughan e Gary Burton. Nel fatidico 1968 si unisce alla band di Miles Davis: suona il piano elettrico nel fondamentale album “In A Silent Way” e nella storica session di “Bitches Brew”. Poco dopo registra in trio con Miroslav Vitous e ROY Haynes “Now He Sings, Now He Sobs”, un album che diviene pezzo immancabile nelle collezioni di dischi degli amanti del jazz moderno. Col grup

PO CIRCLE, che dirige dal ’69 al ’71, approfondisce l’esperienza di ricerca sulla libera improwisazione, che rispecchia l’influenza di jazzisti come Paul Bley e Ornette Coleman, e nello stesso tempo muove da compositori contemporanei come John Cage e Karlheinz Stockhausen. Quando CIRCLE si scioglie, nel 1972, Corea forma i RETURN TO FOREVER, in compagnia di Stanley Clarke, Airto Moreira, Flora Purim e Joe Farrell. Dopo un paio di album di luminosa, ariosa musica condita di sapori latini (in cui ritroviamo i più popolari motivi di Corea, “Spain” e “La Fiesta”), la band svolta sul versante elettrico includendo il chitarrista Bill Connors ed il batterista Lenny White. Al Di Meola rimpiazza Connors nel ’74 e la band diviene un punto di riferimento fondamentale nel movimento fusion, prima di sciogliersi nel 1976. Nel ’77’78 Corea è in tournée con una band di 13 elementi, mentre Clarke, White e Di Meola passano alla guida di propri gruppi. Dalla fine degli anni Settanta, Corea ha effettuato tour ed ha registrato nei più diversi contesti, spaziando da quintetti fusion a quartetti e trii jazz, fino ai duetti classici, ma approfondisce anche le sue possibilità come solista. Nell’85 forma la ELEKTRIC BAND, con Jòhn Patitucci al basso e Dave Weckl alla batteria. Con questa formazione incide, per la GRP Records, “Chick Corea Elektric Band” (’85), “Light Years” (’87), “Eye Of The Beholder” (’88). Nell’89, il gruppo si presenta in versione acustica, incidendo “Chick Corea Akoustic Band”. Da allora, le due versioni si sono sempre alternate, sia in tour che in registrazioni, e restano, assieme al piano solo e al duo “cameristico” con Gary Burton, il suo contesto espressivo privilegiato. Merita una segnalazione anche l’esperienza di CHICK COREA & FRIENDS, assieme a musicisti del calibro di Eddie Gomez, Steve Gadd e Michael Brecker.

Fonte : wilkipedia

Nessun Commento

Lascia un commento